Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Sulla tirannia: “Uomini e no” della scuola del Piccolo Teatro

Spettacolo in lingua italiana

Lettura scenica di Carmelo Rifici

In occasione dei settant’anni del Piccolo Teatro di Milano, l’Istituto Italiano di Cultura ha l’onore di presentare lo spettacolo “Uomini e no” –in programma al Piccolo dal 24 ottobre al 19 novembre– in presenza del suo direttore, Sergio Escobar. I giovani attori della Scuola del Piccolo “Luca Ronconi”, diretti da Carmelo Rifici, sono i protagonisti di questo testo tratto dal romanzo di Elio Vittorini e adattato da Michele Santeramo. Pubblicato nel 1945, “Uomini e no” è un capolavoro della letteratura sulla resistenza: racconta le vicissitudini di un gruppo di partigiani durante l’occupazione nazifascista della città di Milano. Romanzo impegnato e al tempo stesso sperimentale, “Uomini e no” ripropone la questione del sottile confine tra “umanità” e “inumanità”. L’occupazione di Milano diventa così per Vittorini – e per Rifici –l’occasione per affrontare una vera e propria anatomia politica della violenza, dei suoi moventi, delle sue strategie. Carmelo Rifici si è diplomato in studi teatrali all’Accademia del Teatro Stabile di Torino. Dopo aver lavorato al Teatro Litta di Milano ha intrapreso una lunga collaborazione con Luca Ronconi e col Piccolo Teatro di Milano, oltre che con altri importanti teatri.

Evento organizzato in collaborazione col Piccolo Teatro di Milano.

Prenotazione non più disponibile